Michel de Certeau (1925-1986): originale e atipica figura di gesuita, specialista delle pratiche religiose cristiane nei secoli XVI e XVII, tra i principali studiosi della mistica europea in età moderna; uno dei fondatori dell’école freudienne insieme a Lacan. È stato preveggente e acuto analista della vita quotidiana e dei mutamenti sociali nel mondo contemporaneo. Le sue pagine risuonano nel presente di richiami che sono a un tempo poetici e politici com’è dei testi classici.

D.R.
cliché Luce Giard
Paris, août 1981

“I discorsi mistici […] sono spiagge offerte al mare che arriva. Mirano a perdersi in ciò che mostrano come quei paesaggi di Turner che svaniscono all’aria e alla luce.”

Michel de Certeau
da L’enunciazione mistica

Daniel Berrigan e suo fratello Philip

Sacerdoti e militanti pacifisti

Il 30 aprile 2016 è morto, all’età di 94 anni, Daniel Berrigan, gesuita, poeta, militante nei movimenti pacifisti contro la guerra in Vietnam negli Stati Uniti degli anni ’60. Insieme al fratello Philip (1923-2002) – il quale, appartenente all’ordine giuseppino, abbandonò lo stato sacerdotale nel 1970 – fu animatore di grandi campagne antibelliche e perseguitato per anni dall’FBI.

In un saggio incluso in Debolezza di credere (1987; tr.it.2006) – Coscienza cristiana e coscienza politica: i Berrigan – Certeau ha tracciato un indimenticabile ritratto dei due fratelli, di cui riportiamo qualche brano:

“Il 9 ottobre del 1968 Daniel Berrigan è stato condannato a tre anni di prigione, per aver, il 17 maggio precedente, bruciato con il napalm delle cartoline di precetto trafugate dall’ufficio di reclutamento militare di Catonsville (Maryland). Egli aveva partecipato al colpo organizzato da suo fratello Philip, recidivo, e da sette altri amici. La sua pena sarebbe diventata effettiva il 9 aprile del 1970. A quella data, optò per la clandestinità. La polizia era sulle sue tracce. Egli si spostava in ambienti clandestini nascosti sotto la superficie dlla società americana. Poi, improvvisamente, faceva irruzione in una situazione pubblica: in una chiesa, durante un convegno, si spiegava. Quando i poliziotti arrivavano, era già scomparso.

(…)
“L’uomo ricercato voleva essere il testimone della speranza. Non accettava l’emorragia del senso e la putrefazione delle ragioni per vivere. «Nuove forme di azione sono necessarie… Dobbiamo almeno provare…».

(…)
Poeta conosciuto negli USA, professore alla Cornell University, prete cattolico, gesuita. Daniel Berrigan non aveva nulla del giovane esaltato. Aveva 50 anni. Una intransigente fedeltà alla sua fede e al suo sacerdozio, un’ampia formazione grazie ai numerosi viaggi all’estero, una vasta cultura religiosa e letteraria: niente di tutto ciò può fare di lui un teppista. Se, per la prima volta, ha violato positivamente la legge, è stato dopo molte esitazioni,e spinto da una preoccupazione centrale: «cercare strade nuove» che «aprano prospettive», permettano un «risveglio» dalla vita assopita o alienata in un sistema, compiere così «opera poetica» e «lottare per una nascita» attraverso una poetica della coscienza americana.
Suo fratello Philip, di due anni più giovane, religioso giuseppino, prete cattolico, anche lui condannato alla prigione per aver commesso, e d’altra parte ispirato, la stessa «azione simbolica» di Catonsville, ha intrapreso lo stesso «compito erculeo».

(…)
«Per me – scrive Philip – e Daniel dice altrettanto – , la prigione è stata una situazione interamente volontaria, una delle conseguenze prevedibili di un dissenso politico serio. Ciò non significa che abbia scelto o preferito la prigione, ma solo che ho considerato la disobbedienza civile come un dovere cristiano e accettato la prigione come una conseguenza».

(…)
I Berrigan non sono dei marginali, dei Neri, dei Chicanos, dei miserabili, insomma gente che non muove affatto la coscienza americana, troppo competitiva per essere sorpresa o toccata dalla protesta dei «vinti» del proprio mondo. Essi sono invece dei pari, dei reputable men, religiosi appartenenti a ordini che hanno un posto e un potere nella società. Con ciò essi mettono in causa, pubblicamente, «l’identificazione automatica del cattolicesimo con lo statu quo, la sua alleanza con le cause patriottiche dominanti, la sua ambizione di farsi accettare». (…) E questo in nome di una irriducibilità della coscienza – animata, dicono dalla «passione morale». Il titolo di un film su Daniel Berrigan lo dice con una espressione esplosiva: «Il santo fuorilegge».
Come poeta e come cristiano, Berrigan segue piuttosto la traiettoria di Rimbaud, «lavorare ad una creazione», «dare uno spazio in cui respirare»; non lo possono fare né le parole né le proteste verbali. Smettendo di vedere e di sapere senza cambiare nulla, troveremo infine la strada dell’agire? Questa è la sua domanda.
Daniel Berrigan sa anche che c’è, in un certo senso, una secolarizzazione del martirio. Egli ha riflettuto molto su Bonhoeffer.

«I gesuiti del XVI e XVII secolo hanno condotto una vita segreta in Inghilterra per difendere l’unità della Chiesa… Non posso pensarmi come un prete gesuita che muore per l’Eucarestia, se non in un modo totalmente nuovo, nel senso che l’Eucarestia implicherà che l’uomo è un valore, che non si può né uccidere, né degradare, né violare la vita umana, e che non si può essere razzisti.»
[le parole e frasi virgolettate « » sono di Berrigan]

Eventi

aut_aut_michel_de_certeau_web

Michel de Certeau - Un teatro della soggettività

È uscito per la rivista Aut-aut un numero monografico su Michel de Certeau dal titolo Michel de Certeau. Un teatro della soggettività". Il volume sarà presentato il 28 aprile presso l'Istituto Francese Centro San Luigi a Roma, sarà presente…
Michel-de-Certeau_Pagina_1

Michel de Certeau. Le voyage de l'oeuvre

Da giovedì 10 a sabato 12 si svolge a Parigi presso il Centro Sèvres dei gesuiti il convegno Michel de Certeau. Le voyage de l'oeuvre in memoria del 30° anniversario della morte di Certeau. Per l'occasione ci saranno anche degli interventi…
william-blake-behemoth-and-leviathan

Presentazione di: Michel de Certeau Utopie Vocali

Il primo marzo prossimo si terrà la presentazione del libro "Michel de Certeau. Utopie vocali", a cura di Lucia Amara, presso il Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale, Via Salaria 113, Roma. Oltre alla curatrice partecipano Paola Di Cori, Paolo Fabbri, Isabella Pezzini. Coordina Pierluigi Cervelli.
mdc-dubuffet-theatre

In memoria del 30° anniversario della morte di Michel de Certeau

Michel de Certeau è scomparso il 9 gennaio 1986. Lo ricordiamo con alcune citazioni dai suoi scritti: “Accettare la presenza reale dell’immigrato significa, in realtà, aprirgli un libero spazio di parola e di manifestazione in cui la…
mdc-paul_klee-per_parigi_in_lutto

Per Parigi in lutto

L’immenso odio cieco che ha provocato le uccisioni atroci di tanti uomini e donne a Parigi nella notte del 13 novembre 2015 nasce da un’altrettanto abnorme cecità nei confronti di tutto ciò che appare differente rispetto a una monolitica…
CIMG2003

Michel de Certeau. Praticare la pluralità

Convegno del 18 maggio 2015 organizzato da Prendere la Parola Il nostro incontro del 18 maggio presso il Centro San Luigi a Roma intitolato Michel de Certeau: praticare la pluralità ha avuto più una soddisfazione. Il contatto con studiosi…

Scaffale

eco2

Arrivederci Umberto Eco

“Quanto è successo dal maggio 1968 ad oggi dimostra che la civiltà delle comunicazioni non produce necessariamente né l’uomo unidimensionale né il selvaggio beatamente allucinato del nuovo villaggio globale: in luoghi e momenti diversi,…
mdc-decerto

Il nuovo libro "Dossier Favre. Michel de Certeau e l'Introduction al Mémorial" una lettura condivisa di "Pierre Favre" (Jaca Book) a cura di L. Giard

Dossier Favre Michel de Certeau e l'Introduction al Mémorial "Chi legge e studia l’opera di Michel de Certeau ha salutato con entusiasmo la traduzione italiana del lungo saggio che egli pubblicò nel 1960 come parte introduttiva al Mémorial…
mdc-2

Il saggio di Certeau "Che cos'è un seminario?" con le introduzioni di Paola di Cori e di Luce Giard

Il saggio Che cos'è un seminario? è un testo di notevole importanza per comprendere il modo che Certeau aveva di usare il seminario come strumento di lavoro. Riproponiamo qui il testo apparso alcuni anni fa presso la rivista Ecole (n. 6, 2004)…
mcd-hp-michel_de_certeau

Gli interventi dell'incontro presso Leusso del 25 ottobre a proposito del saggio di Certeau "Che cos'è un seminario?"

A seguito dell'incontro seminariale che abbiamo svolto il 25 ottobre grazie all'ospitalità dell'Associazione Leusso, rendiamo disponibili qui gli interventi dei relatori. L'incontro è stato occasione di riflettere sull'esperienza del lavoro…
mcd-hp-michel_de_certeau

La presentazione di Rossana Lista del numero di Humanitas su Certeau

In occasione dell'incontro tenutosi il 3 maggio 2013 presso l'Associazione Leusso, la Rossana Lista ha esposto una breve ma efficace analisi del numero della rivista Humanitas dedicato a Certeau. Pubblichiamo qui di seguito il file del testo…
mcd-hp-michel_de_certeau

La presentazione di Rossana Lista del numero di Humanitas su Certeau

In occasione dell'incontro tenutosi il 3 maggio 2013 presso l'Associazione Leusso, la Rossana Lista ha esposto una breve ma efficace analisi del numero della rivista Humanitas dedicato a Certeau. Pubblichiamo qui di seguito il file del testo…